Audi 100

Autotest 1982 - Audi 100

Audi 100 - auto a trazione anteriore con eccellenti prestazioni dinamiche, maneggevolezza e comfort durante la guida prolungata.

Per molte ragioni, l'Audi 100, prodotta dal 1969 al 1976, difficilmente può essere definita l'antenata della famiglia. Prima di tutto, queste sono soluzioni costruttive che non sono mai state ripetute su queste macchine e grazie alle quali la prima Audi 100 rimase l'auto dei primi anni '70, ponendo solo il concetto di auto di grandi dimensioni con guida sull'asse anteriore e motore longitudinale. La prossima generazione di questo modello ha fondamentalmente risolto le soluzioni tecniche, che in seguito con modifiche sono durate a lungo.

La nuova generazione di Audi 100 è stata introdotta nel giugno 1976. Inizialmente furono prodotte berline a due e quattro porte e nel settembre del 1977 fu aggiunta una station wagon che, a causa dell'ampio angolo di inclinazione del portellone posteriore, assomigliava più a un'autovettura a tre oa cinque porte.

Esternamente, la nuova Audi 100 era molto simile ad una Audi 80 allargata dello stesso anno modello. Erano simili e strutturalmente - la sospensione anteriore Mc Pherson, posteriore - raggio semi-indipendente sul braccio di traino con Panhard, sebbene nelle unità di potere per l'accento di Audi 100 fu messo su motori più potenti. Negli Stati Uniti, questo modello è stato venduto con il simbolo Audi 5000.

Tuttavia, c'è stata una circostanza che ha sottolineato l'unicità di queste auto. Giusto in tempo per l'uscita della nuova generazione Audi 100, è stato preparato il primo motore cinque cilindri a benzina da 2,2 litri al mondo, che combina la potenza di un sei cilindri e l'economicità e la compattezza di un motore a quattro cilindri. Furono questi cinque cilindri in linea che apparvero su Audi 100 nel 1977 e divennero il marchio di garanzia della nuova famiglia e quindi estesi alla classe più giovane. Nel 1978, i motori diesel apparvero su Audi 100 per la prima volta.

Alla fine del 1979 apparve la versione top del modello 100 con il suo nome, l'Audi 200. Si distingueva per un elevato livello di equipaggiamento di base ed era equipaggiata solo con i più potenti motori a cinque cilindri, inclusi i motori turbo. Audi 200 non aveva una station wagon e fu prodotta in questo corpo fino al 1984 incluso.

La famiglia di berline a ruota anteriore Audi 100 (serie 44) della terza generazione era in produzione da settembre 1982 a novembre 1990. Questa berlina a grandezza naturale ha fatto scalpore al Salone di Francoforte con un'aerodinamica eccezionale (Cx = 0,30) per il segmento E (secondo la classificazione europea) e ha persino ricevuto il titolo di "Auto del 1983". L'auto è risultata molto spaziosa, economica e silenziosa. Salone spazioso con posti comodi, dove non vicino e cinque passeggeri alti. Abbastanza sospensione ad alta intensità energetica e allo stesso tempo confortevole. La straordinaria capacità del bagagliaio da 570 litri, nonché una solida capacità di carico complessiva: oltre a cinque piloti, è possibile trasportare fino a 175 kg di carico - una vettura del genere può essere paragonata ad alcune auto versatili di dimensioni più ridotte. La gestione di Audi è sempre stata al suo meglio e la "trazione" della trazione anteriore a questo riguardo è quasi leggendaria. Dritto in discesa, il seguito esatto di una determinata traiettoria nelle curve, la mancanza di derive anche su tratti molto scivolosi della strada sono le caratteristiche distintive della Audi 100 serie 44. Questa è solo la mancanza di versioni base del servosterzo che sono fortemente influenzate quando si manovra in parcheggi stretti (ma non è necessario ripararli).

La station wagon della 44 serie con il nome tradizionale Avant apparve nel marzo 1983 e ancora sorprende molti con la sua stravaganza. Molto piatto per la porta posteriore della station wagon ha ridotto la turbolenza del flusso d'aria, migliorando le caratteristiche aerodinamiche (Cx = 0,34) e ridotto l'inquinamento del lunotto posteriore. Il bagagliaio non è quasi infortunato - la sua capacità con i sedili posteriori sparsi è di 1.800 litri.

Nel gennaio del 1985, la versione a trazione integrale della Audi 100 Quattro (di tipo 440) apparve sul mercato, aiutata dal tradizionale layout longitudinale del motore Audi nel vano motore. Una vera Audi 100 Avant Quattro Wagon divenne una top model con un sistema di guida simile, che anticipava la direzione delle auto per le attività all'aperto.

Il successo di Audi 100 nel mercato automobilistico in Europa è diventato anche una vasta gamma di motori a quattro e cinque cilindri con parametri diversi. I più pratici tra loro (in particolare per le condizioni operative domestiche) sono le fours (factory DR, indici DS) con un volume di lavoro di 1,8 litri. E se 75 CV per la normale accelerazione non è certo sufficiente, il già 90 DS con un solo carburatore Pierburg è un'opzione accettabile sia in termini di dinamica che di consumo di carburante (10,7 l / 100 km nel ciclo urbano), inoltre, il suo vantaggio è semplice e affidabile design. Dopo l'aggiornamento alla fine del 1988, questa unità di potenza ricevette il codice NP. Tali modelli di manutenzione saranno molto preferibili a quelli più potenti, ma anche molto più esigenti per la qualità del carburante e dei lubrificanti e il livello di servizio dei motori a cinque cilindri, che è particolarmente importante per le persone povere che vivono alla periferia. Queste unità di alimentazione dell'iniettore (WH, KP, RT, WC, NF) con un volume di lavoro di 2,0, 2,1, 2,2 e 2,3 litri e una potenza di 100,115,115 e 133 CV rispettivamente. anche se affidabili come quelli a quattro cilindri, una revisione importante, ad esempio, quando una cinghia di trasmissione a camme si rompe o sostituisce una pompa di benzina può colpire la tasca del proprietario con difficoltà.

Inoltre, dalla fine del 1984 (fino al 1989) apparvero motori KU da 2,2 litri da 138 cavalli, montati solo sull'Audi 100, invece della serie di WC a cinque cilindri da 136 cavalli. Dal marzo 1986, la 44ª serie di "tessere" iniziò a montare motori diesel da 2,0 litri a cinque cilindri economici e schizzinosi (CN, DE, NC) con una potenza di 69, 87 e 100 CV, e successivamente - 2, Diesel da 4 litri 82 cavalli (3D) e diesel turbo da 2,5 litri da 120 cavalli (1T). Tra l'altro, il motore a benzina da 2,1 litri con iniezione di 182 litri (KG) è stato installato principalmente sul modello Audi 200 (la stessa serie 44), che è stato prodotto a partire dal novembre 1983. C'erano altri motori da 2.2 litri 165-hp (MS) e 220-hp 20-valvole (2B) (dal marzo 1989).

Audi 200 si distingue esternamente per la bordatura cromata del pannello anteriore e per le dimensioni ridotte dei fari, oltre che per finiture in pelle e impiallacciatura in legno in legno pregiato.

Dopo il 1985, la società iniziò a produrre auto con corpi completamente zincati. Pertanto, tracce di ruggine in luoghi dove non ci sono trucioli e usura abrasiva (pozzetti delle ruote, davanzali, fondo) indicano che l'auto è stata rilasciata prima. Inoltre, sui modelli successivi tali posti sono ulteriormente protetti da passaruote di marca e davanzali.

Il modello Audi 5000 (serie 044) è stato venduto solo negli Stati Uniti dall'ottobre 1983 al 1988 - queste berline si distinguono per il livello di configurazione, che comprendeva un doppio sistema di illuminazione anteriore a quattro testate, alzacristalli elettrici e specchietti, montati sulla botola del tetto, automatica trasmissione, sottobicchieri (solo su richiesta), climatizzazione e scarico catalizzatore. Audi 5000 ha rispettato gli standard per l'emissione di sostanze nocive e limiti di consumo di carburante della FTC degli Stati Uniti dal 1983. Nell'anno modello del 1989, l'aggiornato Audi 100 e Audi 200 erano già sotto i propri indici. Certo; L'immagine di Audi 100 come prestigioso mezzo importato ha avuto un ruolo significativo nelle vendite di successo.

La ricostruzione, effettuata nel gennaio 1988, ha in qualche modo attenuato le linee angolari del corpo e gli indici SS, CS e CD appartengono ormai al passato. C'erano maniglie delle porte incassate, cromo scomparso dai paraurti, bordatura delle luci posteriori e modanature laterali. Ma l'airbag su Audi 100 non è mai stato installato, sebbene l'auto abbia la regolazione in altezza del sedile. Quindi fai attenzione se sospetti che l'auto che ti viene offerta abbia un'età maggiore di quella che dicono. Dall'agosto del 1989, tutti i motori a benzina sono stati dotati di un neutralizzatore regolabile.

Nel 1989, la produzione dell'Audi 100 2.3 E e dell'Audi 100 Avant 2.3 E iniziò con un motore NF da 138 CV e il motore KP da 115 CV del 1989 divenne noto come RT. L'ultima Audi 100 fu rilasciata nel dicembre del 1990, quando il suo posto fu finalmente preso dal nuovo modello della serie C4. La produzione di Audi 200 non viene più ripresa. Tutti i vantaggi di cui sopra erano abbastanza visibili sulle nuove vetture Audi 100/200, ma sulla maggior parte delle copie, la cui età operativa è passata da nove anni, rimangono poco di loro

Nell'ultima generazione di Audi 100, prodotta da novembre 1990 a maggio 1994, tutte le migliori caratteristiche dello stile aziendale hanno avuto il loro sviluppo logico. La forma del corpo classicamente elegante (migliorata del 30% rispetto al predecessore di torsione) ha aumentato la competitività di questo modello in relazione ai prodotti delle preoccupazioni Mercedes-Benz e BMW. Eccellente qualità costruttiva, una garanzia di tre anni per il rivestimento della vernice e una garanzia di 10 anni contro la ruggine attraverso il corpo sono diventati un'eccellente pubblicità per l'Audi 100 (serie C4). C'era una nuova sospensione (con geometria migliorata), la cabina fu completamente riprogrammata, diventò ancora più spaziosa nei posti posteriori che i suoi concorrenti - Mercedes-Benz W124 e BMW E34. Il posto di guida è stato semplicemente fornito con una vasta gamma di regolazioni. Gli angoli di inclinazione dei sedili anteriori e del piantone dello sterzo sono facilmente regolabili su una figura non standard del conducente. Le serrature delle porte hanno acquisito un design a forma di cuneo più affidabile.

Tuttavia, i vantaggi di una nuova generazione di automobili erano molto maggiori: nella decorazione degli interni veniva utilizzato un ampio elenco di attrezzature standard, nuovi tessuti, materiali e pelle, che spesso non si trovano di serie. Anche se, come sapete, il migliore è il nemico del bene: un abitacolo molto spazioso e un ampio bagagliaio da 510 litri di berline a 4 porte adattato in modo critico il pubblico ai station wagon a 5 porte (dall'agosto del 1991), il cui volume del bagagliaio, nonostante sia più verticale rispetto al precedente generazione, la porta sul retro era inferiore al nominale della sua categoria - solo 1310 litri!

Devo dire che gli psicologi che hanno preso parte ai test dell'Audi 100 Avant, hanno osservato: questa macchina manterrà un alto valore per il consumatore per molto tempo dopo la fine della produzione. Ancora: eccellenti prestazioni dinamiche, maneggevolezza e comfort durante le lunghe pedalate. Ciò che sorprende è che anche la visibilità su strade innevate e in condizioni di ghiaccio in Audi-trazione anteriore è stata ottimale. Il modello a quattro ruote motrici Quattro apparve nel gennaio del 1991, la sua maneggevolezza e il suo rendimento si rivelarono essere il punto di riferimento per vetture di questo tipo, che permisero a Audi di monopolizzare praticamente il mercato europeo per le autovetture a trazione integrale.

Un po 'più tardi, gli ingegneri di VAG furono in grado di offrire, come standard, una caratteristica integrale di una fresca auto tedesca, ancore di cintura, airbag per guidatore e passeggero, chiusura centralizzata, un sistema di allarme e il sistema di sicurezza passiva integrato Procon-ten cintura di sicurezza in caso di collisione.

Inizialmente, sono stati utilizzati tre motori ad iniezione: un 2.0 litri 101-hp (indice AAE di fabbrica), un 2.3-litro 133-hp (AAR) e un 2.8-litro 174-hp (AAN) con iniezione multi-punto.

Ma nel gennaio-marzo 1991 (con l'avvento della versione Audi 100 Quattro) sono stati aggiunti: un 2.0 litri 115 cavalli (AAD) con un sistema di iniezione centrale e un diesel da 82 litri 82 CV (AAS). Dopo altri sei mesi, la versione da 2,5 litri da 115 litri con turbocompressore (AAT) è apparsa sul mercato. Lo standard per tutti i motori era un cambio manuale a 5 marce: all'ordine è stato installato un cambio automatico idromeccanico a 4 velocità con un sistema DSP adattivo elettronico, che si adatta in modo flessibile agli stili di guida individuali, aumentando la scorrevolezza delle marce e aumentando l'efficienza del carburante a livello di modelli con cambio manuale marcia.

La gamma è stata coronata da un'Audi sportiva S4 con un motore cinque cilindri 2,2 litri (230 CV) (AAN) con iniezione a più punti e turbocompressore. La velocità massima del modello con una speciale sospensione sportiva modificata con molle più rigide e ammortizzatori (a causa della quale l'altezza della vettura diminuiva di 20 mm) raggiungeva i 240 km / h, e il tempo di accelerazione fino a cento non superava i 6.8 s.

Nel gennaio 1992 apparve un nuovo motore economico da 2.0 litri da 115 CV (ACE), a marzo venne prodotto un V6 (ABC) da 2,6 litri con 150 CV, ma un vero gemito di gioia arrivò a novembre quando la società ha introdotto la S4 4.2 / Avant con un "otto" a forma di V da 4,2 litri del modello V8, che, grazie alle sue caratteristiche eccezionali (potenza 280 cv, accelerazione a cento in 6,2 s (Avant - per 6,6 s), la velocità massima di meno di 250 km / h) e, soprattutto, il prezzo relativamente basso per il segmento di carri sportivi ha preso un posto degno sull'Olimpo dell'automobile.

Il rilascio della gamma di modelli C4 denominata Audi 100 / S4 è durato fino al maggio 1994, quando hanno effettuato un importante restyling e introdotto un nuovo indice - A6. Audi A6 è perfetta per l'uso in Russia: trazione anteriore o quattro ruote, carrozzeria completamente zincata e prezzi inferiori per i modelli Audi delle prime uscite rendono l'acquisto di questa vettura molto redditizio. L'unico inconveniente è necessario riconoscere solo l'alto costo del servizio aziendale.

Aggiungi un commento