Pontiac g6

Pontiac G6 - 100.000 miglia di proprietà

Nel 2003, a Detroit, al salone dell'auto internazionale, la General Motors ha presentato lo sviluppo concettuale della Pontiac G6. L'auto non sembrava inutilmente futuristica, sotto le spoglie di elementi del marchio sporgenti. La berlina sportiva ha linee morbide e morbide e un look dinamico ed elegante. Sbalzi corti, poste agli angoli della ruota con un po 'sporgenti passaruota, un fronte aziendale con "leccati" forme, elegante presa d'fessura d'aria integrati nei loro fendinebbia, bella soluzione di back con i fari eseguiti con grazia e quattro slot dedicati tubi di scarico simboleggiano sportiva spirito berlina .

Grande attenzione durante la creazione del Pontiac G6 è stata pagata al rivestimento interno, che utilizza pelle di alta qualità in due colori, così come inserti in metallo che danno uno spirito sportivo all'interno dell'auto.

La trazione integrale G6 è equipaggiata con un motore V-6 da 3,5 litri turbocompresso con una potenza di 285 CV. Il motore è stato progettato per essere dotato del sistema Displacement on Demand, che consente di utilizzare solo la metà dei cilindri con una corsa semplice e di utilizzare il resto quando è necessaria la piena potenza. Questo riduce il consumo di carburante. Più una sospensione indipendente di tutte le ruote con altezza libera dal suolo regolabile.

Il serial Pontiac G6 è apparso un anno dopo al NAIAS'2004 di Detroit. L'auto è basata sulla piattaforma di trazione anteriore di GM Epsilon (Opel Vectra C, SAAB 9-3 Sport Sedan, Chevrolet Malibu, ecc.). L'uscita è stata regolata nello stabilimento di Orion (Michigan).

Sebbene non esistesse un'auto precedente con un tale nome nella gamma di modelli Pontiac, questa non è una novità assoluta: la G6 significa "Generation 6", ovvero la sesta generazione della Grand Am berlina. Per la prima volta questo modello è apparso sul mercato 30 anni fa e, nonostante le tendenze prevalenti nella moda automobilistica, con ogni generazione successiva le sue dimensioni sono diminuite. Come risultato dell'ultima modifica, l'esterno della vettura è cambiato così tanto che è stato deciso di rifiutare del tutto il vecchio nome. L'attuale G6, lanciato nella seconda metà del 2004, è posizionato dal produttore come concorrente dei modelli Mazda6, Honda Accord e Nissan Altima.

L'auto è stata rilasciata in due versioni - SE di base e GT più avanzate, con design diverso, sistema audio migliore e cerchi da 17 pollici. Il G6 è diventato l'epitome dello stile dei prossimi modelli Pontiac. Rispetto alle generazioni precedenti, il modello è cambiato molto. I massicci pannelli laterali e il grande spoiler posteriore, che sono sempre stati i tratti distintivi del Grand Am, sono scomparsi. Invece di loro - una striscia stretta di timbratura sui lati e uno spoiler in miniatura integrato nel bordo del cofano del bagagliaio. Tutto questo è presente solo sulla modifica della G6 GT, anche la versione base, la G6 SE, è priva di queste decorazioni.

Rispetto alle generazioni precedenti, Grand Am ha migliorato sia la qualità dei materiali che l'interior design complessivo. I sedili anteriori sportivi offrono un eccellente sostegno laterale e un volante rivestito in pelle si adatta comodamente alle tue mani. La consolle centrale è realizzata in plastica granulare che non rifiuta l'abbagliamento, anche in pieno sole. Le squame illuminate circondano gli eleganti anelli cromati.

Entrambe le versioni di G6, SE e GT sono equipaggiate con lo stesso motore 6 cilindri da 3,5 litri, sviluppando una capacità di 200 litri. a.

Nel 2006, la gamma di modelli Pontiac G6 fu completata con due nuove versioni con corpi di coupé e un coupé-convertibile con un coupé retrattile. Il cuore di questi nuovi prodotti è una piattaforma leggermente modificata della stessa berlina, e sono indirizzati a acquirenti più giovani e più attivi.

Un duro tetto pieghevole trasforma l'auto da un compartimento chiuso in una cabriolet elegante e viceversa in soli 30 secondi. Questo meccanismo è stato sviluppato con la partecipazione della nota azienda Karmann, specializzata nella costruzione di macchine aperte. Allo stesso tempo, nella cabina della nuova Pontiac G6 ci sono posti per quattro passeggeri. La serie si distingue per un design del telaio molto progressivo con sospensioni posteriori multi-link con un meccanismo del timone DSA, che ha migliorato in modo significativo la qualità di guida pur mantenendo la scorrevolezza della corsa preferita in America. A causa del passo piuttosto lungo (2852 mm), la cabina è in stile americano.

La versione precedente con un V6 da 3,5 litri (200 CV, 298 Nm) e una trasmissione automatica a 4 velocità ha ricevuto un ulteriore indice GT nel 2006, e la versione base ora ha un quattro più economico da 2,4 litri. Ecotec 16V (167 cv, 220 Nm), con cui viene aggregato anche il "passaggio automatico" in 4 fasi. Inoltre, c'era una versione top del GTP con un V6 12V da 3,9 litri (240 CV, 325 Nm), con il quale, oltre a un automatico a 4 velocità migliorato, integrano un cambio manuale a 6 marce opzionale.

Le nuove versioni di coupé e hardtop sono offerte solo nelle versioni GT e GTP. La versione base è dotata di una variabile sforzo idraulico (EPS la), aria condizionata, cruise control, alzacristalli elettrici e specchi, fendinebbia, airbag anteriore (con sensore presenza passeggeri nel 2006), quattro electroresettings sedile del conducente, il nuovo tre razze volante tipo sportivo, e Le prestazioni della GT sono diverse sospensioni sportive, spoiler posteriore, sistema audio premium. La nuova versione del GTP in aggiunta ai cerchi in lega da 18 pollici ha il controllo automatico del clima (su altre versioni è un'opzione). L'elenco dei modelli opzionali del 2006 include i sistemi di trazione e side bash, il sistema OnStar e la radio XM satellitare, ora con un'antenna comune.

Nell'aprile 2006, al salone dell'auto di New York, Pontiac ha presentato il G6 con l'indice GXP. Esternamente, la nuova vettura si differenzia dalla serie G6 con una griglia modificata, un nuovo paraurti anteriore con prese d'aria di grandi dimensioni e la presenza di aperture di ventilazione nel cofano. La parte posteriore ha un carattere particolarmente sportivo che è facilitato da tubi cromati e uno spoiler.

La G6 GXP è una pelle rossa che copre i sedili e i pannelli delle porte e anche la bordatura cromata dei dispositivi della console centrale è rossa.

Pontiac G6 GXP, così come il modello base, ha una formula di atterraggio "2 + 2", ma è equipaggiato con un motore V6 da 3,9 litri, forzato da 240 a 270 cavalli e un cambio manuale a sei rapporti. Inoltre, la novità ha ricevuto le ruote originali da 19 pollici e una sospensione inferiore.

Mentre la società Pontiac non nomina le date esatte dell'aspetto di questo modello nella vendita e il suo costo.

Aggiungi un commento