Rolls royce phantom

ALL'INTERNO della NUOVA Rolls-Royce Phantom 8 2018 | Interni Esterni DETTAGLI

La serie Phantom è stata prodotta dal 1925 al 1968. Phantom I (New Phantom) è stato prodotto dal 1925 al 1929. Ha sostituito il Silver Ghost. L'esterno e il telaio del modello erano molto simili al suo predecessore: le stesse carrozzerie costruivano il corpo sullo stesso telaio con lo stesso passo. Telaio pronto per la spedizione consegnato alla società del corpo, il cui corpo è stato scelto dal cliente. L'acquirente ha iniziato le trattative con la società produttrice diversi mesi prima che il telaio stesso fosse pronto. Dal momento di ordinare l'auto alla sua ricevuta, i clienti hanno dovuto aspettare da sei mesi a un anno. Il costo della macchina era molto costoso (circa 2500 f.st.). Per questo denaro, la società ha concesso una garanzia di tre anni sul carrello.

Phantom I era equipaggiato con un motore a 6 cilindri con una cilindrata in testa di 7,7 litri e una potenza di 107 CV, che garantiva prestazioni elevate. Trasmissione - manuale a 4 velocità. Velocità massima: 130 km / h. Il sistema di frenatura è stato incluso il tipo di azionamento dell'amplificatore Hispano-Suiza.

Era l'auto britannica più elegante di quegli anni. Il modello è stato rilasciato nel Regno Unito per quattro anni. Non ha avuto molto successo a causa del design vecchio stile e non abbastanza maneggevolezza. Di conseguenza, nel 1929 fu sostituito da Rolls-Royce Phantom II. Negli Stati Uniti, l'assemblaggio nello stabilimento di Springfield è stato effettuato fino al 1931. In totale, a Derby sono stati prodotti 2.212 telai. 1225 telaio assemblato negli Stati Uniti.

Phantom II ha continuato le tradizioni di bodybuilding inerenti al Phantom I, ma ha ricevuto un sistema di sospensione migliorato. Rispetto al modello precedente, la vettura ha ricevuto un telaio completamente nuovo, combinato con un motore da 7,7 litri su supporti elastici, un cambio sincronizzato e ammortizzatori regolabili dal sedile del guidatore. Con la stessa potenza del motore, l'auto era più leggera e aveva una migliore maneggevolezza. A proposito, il motore "Straight 6", a differenza del Phantom I, era considerato più moderno: aveva sei cilindri, che erano installati in file in due blocchi di tre cilindri e una testa di alluminio in ciascuno, con un meccanismo della valvola montato in alto - e sviluppato circa 100- 120 cavalli. La velocità massima è 145 km / h.

L'auto aveva una frizione a disco singolo e una sospensione semisferica di molle piatte davanti e dietro. Questo modello aveva un telaio completamente nuovo con sospensioni assali stabili e molle semiellittiche. La base del Phantom II era di 150 pollici (3,81 metri).

Il design del corpo ha praticamente ripetuto lo stile della fine degli anni '20. Il famoso radiatore è stato conservato, ma le linee delle ali sono diventate più morbide. Forma arrotondata della parte posteriore del corpo. Era una tipica Rolls-Royce con una quantità ancora maggiore di lucentezza, spaziosità, potenza e prestigio. Phantom II fu l'ultimo modello Rolls-Royce sviluppato con la partecipazione di Sir Henry Royce, morto nel 1933.

Sulla base del modello Phantom II dal 1932 al 1935, fu prodotta una modifica di Continental, con lo stesso motore, ma ridotta a 144 pollici (3,65 metri) con una base, un rapporto di trasmissione ridotto, una sospensione più rigida e un peso inferiore di 2,49 tonnellate. Inoltre, le ditte di carrozzeria installate su queste versioni hanno un corpo a 4 posti più "sportivo". Di conseguenza, con la stessa potenza del motore, Continental ha avuto anche una migliore maneggevolezza.

Nel 1935, Rolls-Royce Phantom III fu presentata al Salone di Londra. L'auto è diventata un po 'più grande, più pesante e più costosa rispetto al suo predecessore, mentre è notevolmente più silenziosa e trattenuta all'esterno. La base dell'intera struttura, come nei modelli precedenti, era una struttura in acciaio. Phantom III aveva un corpo molto spazioso. Il passo di almeno 3,6 me la carreggiata posteriore di 1,55 m fornivano uno spazio enorme per i sedili posteriori, dove erano situati ricchi proprietari, dei quali quasi nessuno provava a guidare la sua auto.

L'auto è stata equipaggiata con un nuovo propulsore. Era un motore a 12 cilindri a V con un volume di lavoro di 7338 cm³, dotato di un albero a camme centrale, valvole montate sulla parte superiore e idrosensori nella loro trasmissione, un doppio sistema di accensione e manicotti a umido. La potenza del motore, secondo le stime, era di 165 CV La velocità massima è 148 km / h. Consumo medio di carburante di circa 28 l / 100 km. Il modello era equipaggiato con un cambio manuale a quattro velocità, nel quale solo la prima marcia non è sincronizzata.

Phantom III è diventata la Rolls-Royce tecnicamente più impegnativa mai prodotta e la più inaffidabile. È stato il nuovo motore che è diventato il collegamento problematico nella progettazione dell'auto. Lubrificatori, che avrebbero dovuto migliorare le prestazioni del motore, ostinatamente ostruiti da impurità contenute nell'olio motore, causando periodiche interruzioni del suo funzionamento.

Un'altra novità costruttiva applicata al Phantom III, a cui, tra l'altro, non c'erano lamentele, era la sospensione del tipo a leva indipendente anteriore, che era controllata da molle elicoidali e ammortizzatori idraulici. La sospensione posteriore è rimasta dipendente e molla.

Il costo di una macchina con un corpo magnifico funziona Vaden Plast, Hooper o Thrupp e Maberley potrebbe raggiungere fino a 2500 - 2800 sterline. Oltre a costi operativi enormi, possedere una macchina del genere era incredibilmente prestigioso. La produzione di Rolls-Royce Phantom III continuò fino al 1939 e, con l'inizio della Seconda Guerra Mondiale, la produzione di automobili fu interrotta. Sono state prodotte 727 copie in totale.

Phantom IV è stato costruito solo per persone reali e capi di stato. Un totale di 18 auto furono prodotte dal 1950 al 1956. Nove corpi per il Phantom IV furono prodotti da Mulliner Park Ward e sette da Hooper. Il corpo di ogni auto ha il suo stile e la sua finitura. Con l'eccezione della sospensione e della trasmissione, tutto era originale, mai usato su altri modelli Rolls-Royce.

Il massiccio telaio con un amplificatore a forma di X nella parte centrale è stato ulteriormente rafforzato, il passo è stato esteso a 145 pollici (3683 mm). Sul telaio è stato installato un motore a 8 cilindri in linea con una capacità di 5,675 cm³, che ha ricevuto la denominazione di impianto B80. Dalle unità precedentemente rilasciate, il nuovo motore è stato caratterizzato da una testa in alluminio, una singola fusione del basamento e del blocco, prese di aspirazione superiori e valvole di scarico laterali. La coppia è stata trasmessa attraverso una frizione a disco singolo asciutto e una trasmissione manuale a quattro velocità con sincronizzatori nelle tre marce superiori. Successivamente è stato sostituito da "automatico".

Per quanto riguarda la potenza del motore, la società ha mantenuto il tradizionale silenzio, ma è stato più che sufficiente per accelerare un'auto che pesa 2,25 tonnellate a 160 km / h. Tuttavia, la capacità del Phantom IV di muoversi a velocità pedonali senza surriscaldare il motore era molto più importante. Ha aiutato un sistema di raffreddamento affidabile.

Phantom V ha debuttato nel 1959. Era ancora più grande, più pesante e più magnifico dei suoi predecessori, ma conservava la loro eleganza, la struttura del telaio e la massima qualità della produzione manuale. Il modello è stato sviluppato sulla base del telaio Silver Cloud II con il passo più lungo (3,68 m, come il Phantom IV). Proprio peso della vettura, a seconda del numero di attrezzature personalizzate ha raggiunto 2,7 tonnellate. Il Phantom V offriva a Rolls-Royce un posto di guida per il guidatore adatto alle auto e un enorme spazio posteriore.

Il motore è a forma di V 8 cilindri, volume di lavoro - 6230 cm ³, potenza - circa 200 CV lavorato in tandem con una trasmissione automatica. Con questa unità di potenza, l'auto ha sviluppato una velocità massima di oltre 160 km / he ha consumato un'enorme quantità di benzina - 28 l / 100 km.

Un fantasma V nel 1962, ricevendo un corpo bianco come la neve dallo studio Hooper, fu inviato in Vaticano. La macchina ha servito la Santa Sede per 30 anni. I proprietari di Phantom V erano i musicisti rock Elvis Presley e John Lennon. L'auto più costosa al mondo con lo status corrispondente nelle mani di John Lennon si trasformò in una tela artistica: un famoso musicista lo dipinse in stile avanguardista. Dato che questo è accaduto negli anni sessanta, è facile indovinare quale tipo di indignazione questo atto abbia suscitato in una parte privilegiata della società inglese. All'inizio, la domanda di un'auto era stabile, ma gradualmente cominciò a declinare. Per nove anni, l'azienda ha costruito 832 auto di questo modello.

Nel 1968, il Phantom VI apparve con un telaio sparring indipendente. Mulliner-Park-Ward ha realizzato un corpo a sette posti con pannelli per porte in alluminio, cofano e baule per questo modello. Tipo di corpo - solo limousine o corsia. La lunghezza della macchina è 6,04 m. La massa in condizioni di marcia è di 2740 kg. Una ricca attrezzatura offriva l'aria condizionata con due livelli (altezza) controllo del clima. Freni a tamburo su tutte le ruote.

I primi 311 pezzi di Phantom VI sono stati rilasciati con un motore aggiornato da Silver Shadow. Nel 1978, hanno iniziato a installare un'unità da 6,8 litri e una trasmissione automatica a 3 velocità. La potenza del motore non è stata segnalata tradizionalmente. La velocità massima è di 180 km / h. Consumo di carburante (ciclo urbano) - 30,4 l / 100 km.

Nel 1992, il Phantom VI fu rimosso dalla produzione. Sono stati prodotti in totale 373 pezzi.

Nel 1998, il controllo del marchio Rolls-Royce fu acquisito dalla tedesca BMW. E cinque anni dopo, nel 2003, il Phantom VII è stato presentato al Motor Show Internazionale di Detroit. L'auto è costruita su una piattaforma BMW Serie 7 estesa e modificata. Dimensioni 5834x1990x1632 mm. Passo 3570 mm. Caratteristiche costruttive: un corpo monoscocca, monoscocca, ultra rigido da 550 kg, realizzato in alluminio e materiali compositi; sospensioni multi-link completamente indipendenti con elementi pneumatici e porte posteriori a cerniera con potenti blocchi elettromagnetici che operano automaticamente a una velocità di 4 km / h.

Progettato dal Phantom VII, il team è guidato da Ian Cameron e dallo studio californiano BMW. L'esterno ha preservato l'immagine e lo spirito inglese dei suoi antenati leggendari e, inoltre, ha ricevuto l'imbottitura tecnica di alta qualità dei tedeschi. Stilisticamente, il modello si distingue per una linea caratteristica del corpo, un cappuccio rialzato e un radiatore monumentale. La famosa figura "Spirit of Ecstasy", se necessario, la rimuove in una nicchia speciale per aiutare l'elettromeccanismo.

Il design del cruscotto e gli interni sono tradizionali: pelle, cashmere e solo legno naturale sono tutti di fabbricazione britannica. L'occhio è soddisfatto della finitura del volante, dei pannelli portaoggetti e di numerosi altri elementi interni in legno di noce. Nella cabina c'è un armadio per le bevande, puoi spingere lo schermo della TV. Dispositivi e deflettori di ventilazione sono racchiusi in cerchi cromati. La leva che commuta le modalità di "automatico", si trova sul piantone dello sterzo.

Nel progettare la cabina, sono stati presi in considerazione i risultati di studi su larga scala, che hanno dimostrato che i proprietari di auto Rolls-Royce spesso fanno a meno di autisti assoldati e si mettono al volante da soli. Di conseguenza, il Phantom è stato sviluppato ugualmente conveniente sia per il guidatore che per i passeggeri. L'ampio sedile posteriore è realizzato sotto forma di due sedili con schienale curvo, quasi verticale.

Sotto il cofano c'è un motore da 12,7 cilindri di 6,75 litri con il sistema Valvetronic e 453 CV di iniezione diretta. Lavora in tandem con il cambio automatico a 6 marce prodotto da ZF. Questa unità di potenza è in grado di accelerare il Phantom VII con un peso di 2,5 tonnellate a "centinaia" in 5,7 secondi. La velocità massima è di 240 km / h. Il consumo dichiarato di carburante negli standard europei è di 16 l / 100 km.

I pneumatici Michelin PAX da 19 pollici con un profilo alto sono stati sviluppati appositamente per Rolls-Royce. Sono creati utilizzando la più recente tecnologia di protezione dalle forature e consentono di guidare con una gomma forata 160 km ad una velocità di 80 km / h.

Nel 2007, Rolls-Royce ha presentato una decappottabile basata sul modello Phantom VII. Il modello è stato nominato Phantom Drophead Coupe. Il corpo del cabriolet è realizzato in lega di alluminio ed è una fattoria spaziale super rigida, su cui unità e elementi decorativi sono "appesi". L'uso di tale tecnologia ha permesso alla Phantom Drophead di essere la più dura delle decappottabili moderne. Tutti gli elementi caratteristici sono stati preservati: fari a LED, cappuccio bicolore, griglia di marca, come se fossero integrati nella parte frontale, ante della finestra davanti, porte che si aprono contro il percorso. Come il Phantom VII, la figurina dello "spirito dell'estasi" viene rimossa sotto il cofano al tocco di un pulsante, e l'emblema Rolls-Royce sulle ruote non gira con loro, ma è costantemente in una posizione "leggibile".

La sospensione dell'auto è stata presa in prestito dal Phantom VII - indipendente e pneumatico, attiva, mantenendo una costante altezza da terra e impedendo i becchi dalla parte anteriore e posteriore.

La capote della macchina è fatta di stoffa. Il tetto è realizzato con tecnologia multistrato, viene rimosso completamente premendo un tasto e fornisce un eccellente isolamento acustico quando è chiuso. Phantom Drophead Coupe offre 4 posti completi.

Il motore è lo stesso V12 da 6,75 litri con una potenza totale di 453 cavalli. La velocità massima richiesta è di 240 km / h (limitatore elettronico) e l'accelerazione a 100 km / h richiede 5,9 secondi.

Aggiungi un commento