Suzuki alto

La prima vettura, che si chiamava Alto, nacque nel 1979 sotto forma di assemblaggio di un'automobile per camion.

Suzuki Alto 2019 | Cosa aspettarsi? | PakWheels

Era difficile credere allora che questo modello semplice ed economico sarebbe diventato il leader delle vendite e il simbolo di una piccola automobile.

Oltre 25 anni di rilascio, Alto ha subito molti cambiamenti ed è stato trasformato oltre il riconoscimento. Dal 1982 al 1985 fu prodotto l'Alto I. Era abbastanza richiesto, ma a metà degli anni '80 fu interrotto e sostituito con un'auto completamente nuova con lo stesso nome. Alto II è rimasto in linea dal 1986 al 1993. Nel 1994 fu sostituito da Alto III, prodotto prima del 1998.

Nell'ottobre 1998, a causa di un cambiamento negli standard per le auto di piccole dimensioni, Suzuki Alto ha sperimentato un completo cambio di modello, che ha portato alla comparsa della quarta generazione di questo modello. Come risultato di questi cambiamenti, c'è stato un aumento delle dimensioni esterne e del peso (di 10 kg) della vettura, ma il raggio di sterzata minimo è stato ridotto di 0,4 metri. Pertanto, l'aspetto di una nuova generazione del modello non ha privato Alto dello stato di una piccola automobile.

Particolare attenzione viene data al fatto che sotto il nome Alto nella famiglia Suzuki ci sono due diverse auto. Il primo è destinato al mercato giapponese e il secondo è notevolmente più spazioso - in vendita in altri paesi del mondo, anche in Europa. È interessante notare che il "grande" Alto è assemblato in India negli stabilimenti della società Maruti, ma in Europa porta il marchio madre Suzuki.

Nella primavera del 2002, si è verificata una piccola modernizzazione di questa vettura, principalmente a causa dell'avvento di un più potente motore a 16 valvole da 1,1 litri da 62 CV, che soddisfa i requisiti Euro. Di conseguenza, la velocità massima con una trasmissione manuale è aumentata a 155 km / h.

Suzuki Alto JDM Recensione dettagliata: prezzo, specifiche Caratteristiche | PakWheels

Suzuki, in termini di protezione ambientale, non si limita all'introduzione di un motore economico. Tutti i componenti in plastica sono realizzati con materiali ecocompatibili.

Dimensioni compatte, posizione elevata del sedile del conducente, ampio parabrezza: tutti questi servizi consentono a Alto di manovrare e parcheggiare liberamente in ambienti urbani.

Come opzioni sono stati offerti idromeccanici in 3 fasi "automatico", aria condizionata, ABS, servosterzo, ecc.

La quinta generazione di Suzuki Alto (dimensioni 3395x1475x1510 mm) ha fatto il suo debutto nel mercato nazionale giapponese nel settembre 2004. Modifiche per l'anno modello 2006: E, G, X e X Premium. Il modello ha ricevuto un motore aggiornato K6A R3 12V DOHC con un volume di 658 cm³, sviluppando 54 CV e 61 Nm e tre cambi tra cui scegliere: manuale a 5 velocità o automatico a 3 o 4 velocità.

L'equipaggiamento comprende airbag frontali, ABS, EBD, servosterzo, chiusura centralizzata, fissaggio per seggiolini ISOFIX per bambini, pacchetto audio, alzacristalli elettrici e specchietti, fendinebbia, cerchi in lega. Una scelta di trazione anteriore o integrale con trazione posteriore plug-in.

Dalla primavera del 2005 sono state offerte anche versioni commerciali di Alto Van con un sedile posteriore semplificato.

La precedente generazione di Alto è assemblata presso la fabbrica indiana Maruti Udyog a Delhi per tutti i mercati esteri, compresi i paesi europei. Dall'estate del 2005, le vendite di versioni aggiornate di Alto 2006 sono iniziate in India, tuttavia, in Europa, sono ancora disponibili versioni modello dell'anno modello 2005. Versioni Gamma per l'Europa: Base, Club e Comfort. Il motore da 1,0 litri della R4 16V (63 CV, 85 Nm) viene aggregato con una "meccanica" a 5 velocità o una "automatica" a 4 velocità. Il volume del bagagliaio di 177 litri può essere aumentato a 432 litri (a causa della piegatura dei sedili posteriori). L'elenco delle attrezzature di base comprende ABS, EBD, chiusura centralizzata, airbag frontali, impianto audio con ricevitore CD e aria condizionata.

Aggiungi un commento