Suzuki jimny

Nel 1968, la Suzuki, che in precedenza aveva prodotto solo minicar, decise di intraprendere una piccola impresa di ingegneria e lanciò un SUV con il nome Jimny (LJ - light jeep Series).

2019 recensione Suzuki Jimny fuoristrada 4x4 | Può assumere un Land Cruiser? | Autocar

L'auto è stata distinta da pannelli di carrozzeria primitivi, l'unico parabrezza piatto (sporgendosi in avanti), serrature esterne, le primavere sul cappuccio e le catene invece di porte. C'erano solo tre posti nella cabina. A causa delle limitazioni delle dimensioni esterne, la ruota di scorta è stata posizionata dietro il sedile del passeggero. In questo caso, Jimny aveva una trazione integrale permanente, sospensioni a molla indipendenti e un telaio abbastanza solido. La massa della vettura era di soli 600 kg e la lunghezza del passo era pari a 1930 mm. Sotto il cofano c'è un piccolo motore bicilindrico a 2 tempi con raffreddamento ad aria con un volume di lavoro di 0,36 litri e una potenza di 25 CV.

In Giappone, Jimny ha preso il sopravvento: le jeep locali più rispettabili, per non dire quelle importate, sono rimaste inaccessibili alla stragrande maggioranza della popolazione. Ma la consegna del modello al mercato estero è stata categoricamente esclusa - il motore non era buono, e la Suzuki non ha avuto nulla di serio per molto tempo. Finalmente, nel 1974, l'azienda padroneggiò la 2-tattica di raffreddamento dell'acqua di 3 cilindri con un volume di lavoro di 0,55 litri e immediatamente installò questo motore su Jimny SUV seriamente aggiornato (LJ-Serie), che anche ha ricevuto un corpo chiuso con una «ruota di scorta» fuori che permesso di mettere sedili pieghevoli uno di fronte all'altro nella parte posteriore della cabina. Di conseguenza, la funzionalità di Jimny si ampliò seriamente: l'auto si trasformò facilmente in un piccolo furgone senza pretese.

Tuttavia, i giapponesi non avevano alcuna fretta di esportare. Rischiando di entrare nel mercato automobilistico in Australia, la compagnia non ha guadagnato popolarità lì. Sospensione a molla e motore a 2 tempi a metà degli anni '70 erano già considerati un anacronismo.

Suzuki ha continuato a migliorare il suo piccolo SUV e nel 1977 è stato rilasciato il nuovo Jimny (serie LJ). Piccole modifiche sono state apportate al corpo: i passaruota anteriori sono stati ingranditi e gli archi posteriori sono stati allargati per dare un design più elegante. La sospensione è diventata più morbida. Il cappuccio tenuto da due terminali a molla, come nelle precedenti versioni di LJ, era leggermente sollevato per aumentare lo spazio per il nuovo motore. Il suo volume ha raggiunto 0,8 l. Il motore era a quattro tempi, a quattro cilindri, con raffreddamento ad acqua e potenza di 41 CV. Con questa macchina, la società Suzuki è entrata nel mercato europeo. Il suo aspetto ha segnato la creazione di un nuovo settore del mercato della trazione integrale.

Nel 1982, ha fatto il suo debutto Jimny (serie SJ) con un nuovo corpo aggraziato. Il salone è diventato meno ascetico e più comodo per i passeggeri. Le sospensioni utilizzavano ancora molle a balestra, ma erano ammorbidite dagli ammortizzatori a gas. L'auto è stata equipaggiata con un motore a quattro tempi a quattro cilindri di 1,0 litri e 45 CV. Telaio indipendente e dimensioni ridotte combinate con un motore più potente hanno reso il Jimny (SJ-Series) un SUV a tutti gli effetti. Pertanto, il settore di mercato creato da Suzuki ha continuato a evolversi.

Poi c'era una versione migliorata della Jimny (serie SJ), una caratteristica distintiva della quale era un motore a quattro cilindri leggero da 1,3 litri e 60 CV. (iniezione) e 64 CV (CARB). Il cambio è diventato un cinque velocità.

Nel 1986, la serie andò a un Jimny modificato (serie SJ), ribattezzato per i mercati esteri in Samurai. Grazie alla sua estrema funzionalità, questo modello unico è stato adottato con successo sul mercato mondiale e venduto in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, Samurai è stata riconosciuta come la migliore auto a trazione integrale in termini di rapporto qualità-prezzo. Dal 1994, la Suzuki Samurai ha un motore a iniezione da 1,3 litri e una potenza di 69 CV.

In Giappone, nel periodo dal 1990 al 1998, il modello Suzuki Jimny è stato prodotto con un motore turbocompresso da 0,66 litri e una potenza di 55 CV.

Dal 1993 al 2002, il modello Jimny Sierra è stato prodotto per il mercato interno giapponese. La particolarità di questo modello è un carburatore a quattro cilindri con un volume di 1,3 litri e una potenza di 70 CV. Le sospensioni utilizzavano molle a balestra. Dopo il 2002, la Jimny Sierra era equipaggiata con un motore a iniezione idraulica a sedici valvole a quattro cilindri con una capacità di 1.328 litri e 88 CV.

Nel 1998, si tenne una presentazione del nuovo Jimny. L'aspetto "scatolato", che sembrava un po 'ruvido, è una cosa del passato. Jimny perse angoli acuti, le linee del corpo divennero morbide. I cambiamenti radicali sono stati sottoposti alla parte anteriore della vettura. Inoltre, Jimny ha ricevuto un ponte sospeso a molla, che ha migliorato significativamente la guida e la maneggevolezza. Esistono due tipi di carrozzeria: una tre porte interamente in metallo e una convertibile (con una capote abbassata o con un tetto rigido in plastica rimovibile sul retro, il cosiddetto hardtop).

Nonostante dimensioni più che compatte (3625x1600x1705), il design Jimny è modellato su veicoli fuoristrada gravi: il corpo è montato su un robusto telaio longherone attraverso cuscini in gomma-metallo, su cui gli assi anteriore e posteriore sono montati su molle e un sistema di leve.

Il nuovo suzuki jimny

Inoltre trazione integrale plug-in part-time con doppio rapporto. Il vantaggio principale di questa soluzione è un ingranaggio da corsa robusto e relativamente resistente, che consente di superare gravi ostacoli, e la principale restrizione della pervietà nel caso del Jimny è la bassa altezza da terra sul caso dei differenziali trasversali.

I cambiamenti non sono risparmiati e il salone. Con una larghezza complessiva di 1600 mm, non c'è motivo di parlare di un comfort eccezionale o di un ampio spazio interno: la cabina è progettata per sole quattro persone. Il design del sedile del guidatore nella Suzuki Jimny si basa su una ricerca ergonomica avanzata. Contatori e dispositivi di misurazione sono raggruppati in modo tale che a colpo d'occhio si ottengano le informazioni necessarie. Semplice e pratico. Le poltrone, sia anteriori che posteriori sono molto comode e confortevoli. La posizione del posto di guida è diventata più alta. L'interno è solido, ma austero. Chiusura centralizzata, specchietti di alimentazione e alzacristalli elettrici possono essere controllati da tasti su un pannello speciale. L'aria condizionata si prenderà cura del microclima in cabina.

Il bagagliaio è molto piccolo, ma questo è parzialmente compensato per i sedili posteriori ripiegabili (50:50), così come i binari del tetto per installare il bagagliaio superiore.

Un potente sistema di frenata include un freno anteriore con un disco di grande diametro e un amplificatore di vuoto da 8 pollici che consente di frenare efficacemente con il minimo sforzo. Un limitatore di pressione con rilevamento del carico nella trazione posteriore consente di evitare il loro bloccaggio prematuro durante la frenata brusca e migliora la qualità della frenata quando il veicolo è pesantemente caricato.

Suzuki Jimny è equipaggiata con due airbag frontali. I poggiatesta alti nei sedili anteriori e posteriori proteggono i passeggeri quando vengono colpiti da dietro. E anche la protezione dagli impatti laterali. Queste sono travi di protezione in acciaio. E un altro importante sistema: immobilizzatore.

In Russia, Jimny è ufficialmente fornito con un Ralbero da 1,3 litri a 16 valvole monotrave (80 cv), un cambio meccanico a 5 marce o automatico a 4 velocità come opzione. Per alcuni mercati (in particolare, per lo spagnolo domestico), il Jimny è anche prodotto con un motore più pesante di 1,4 litri (1328 cm3), sviluppando 82 CV. La coppia relativamente bassa dei motori a benzina (104 e 110 N • m) compensa la presenza di un moltiplicatore, così che su aree relativamente piatte con rivestimento non uniforme (sabbia, fango, neve) il proprietario di Jimny si sentirà più sicuro rispetto ai proprietari di crossover. Per il mercato giapponese, Jimny viene fornito principalmente con un motore turbo da 0,7 litri (64 CV, 106 N • m). In condizioni normali, quando si guida su asfalto asciutto o primer Jimny, si consiglia vivamente di operare solo con un assale posteriore collegato, perché quando si attiva l'assale anteriore in queste condizioni, la trasmissione senza differenziale centrale e gli accoppiamenti viscosi si consumano rapidamente e l'assale anteriore viene disattivato ti consente di risparmiare carburante. Tuttavia, con un motore da 1,3 litri, anche con la trazione integrale Jimny attivata, non è possibile chiamare l'ingordigia: il consumo di carburante anche su fuoristrada non supera i 10 litri per 100 km.

Nel 2004, la versione diesel è apparsa sul mercato europeo - Jimny 1,5 dCi. Nel ruolo della principale forza trainante è un motore a quattro cilindri con una capacità di 1,46 e 65 CV. Il motore è realizzato con tecnologia avanzata CommonRail con iniezione elettronica di carburante e consuma 6,1 litri per 100 chilometri. Con una coppia massima di 160 Nm, emette quasi un minimo di 2000 giri / min e può facilmente trainare il rimorchio con un peso di 1,3 tonnellate.

Diesel Jimny è offerto nella versione base del Club e Comfort avanzato. La modifica iniziale è dotata di alzacristalli elettrici nelle portiere, sistema ABS, due airbag e chiusura centralizzata. La versione Comfort, oltre a tutto, è dotata di aria condizionata e specchietti retrovisori riscaldati.

Jimny 2005 anno modello, oltre al brillante emblema, ha ricevuto dai creatori del nuovo design dei cerchi a cinque razze, fendinebbia nuovi, nuove soluzioni cromatiche per i paraurti e tutto il corpo. Ma le differenze principali cominciano nella cabina. E continuare a muoversi. Salone del SUV più piccolo del mondo incontra nuovo duro, con sedili laterali di supporto distinti. La ruota è nuova, a tre raggi, seguita da una solida combinazione di dispositivi che hanno ricevuto una bordatura d'argento.

Sotto il cofano della capacità del motore Jimny aggiornato di 1336 cm ³ 80 CV La leva del cambio è ora solo una - la "maniglia" aggiuntiva si è trasformata organicamente in comodi pulsanti sulla console centrale. A proposito, Jimny rimane l'unica auto sul mercato dotata di ponti continui davanti e dietro.

Nel dicembre 2005, Suzuki ha lanciato il pacchetto Jimny New Wild Wind in vendita. Questa versione è più confortevole e la presenza di varie cose piacevoli. Un nuovo paraurti e un kit per il corpo sono apparsi, la griglia anteriore, ora un po 'metallica, è cambiata, e, naturalmente, non poteva fare a meno di una copertura elegante per la ruota di scorta situata dietro.

Il rivestimento della cabina ha uno speciale rivestimento idrorepellente e i sedili del conducente e del passeggero sulla sinistra sono dotati di un riscaldatore che, a quanto pare, è molto utile in inverno. Inoltre, molte tasche aggiuntive sono apparse vicino alla fila di sedili posteriori. Il volante è rivestito in pelle naturale e i deflettori del condizionatore sono incorniciati "come metallo", un nuovo stereo con due altoparlanti è installato nella cabina, riproducendo dischi CD / MD.

Tra le soluzioni cromatiche della Suzuki Jimny, ci sono cinque possibili opzioni di colore, tra cui colori esclusivi come Grigio (grafite grigio perla metallizzata), nero (bluastro nero perla) e vino rosso (brillante perla rossa).

Nel 2006, la società ha rilasciato l'edizione limitata Suzuki Jimny Ranger. Questa versione ha ricevuto un attacco rimovibile con cablaggio elettrico, griglia che separa il bagagliaio, interno, rifinito con tessuti morbidi, tappetini in gomma per il passeggero anteriore e il conducente, oltre a una torcia con fissaggio.

Inoltre, l'edizione limitata è dipinta in verde scuro metallizzato, così come lo speciale colore Ranger. La gamma di motori per questa versione è un'unità di benzina da 1,3 litri con una potenza di 86 CV e un diesel da 1,5 litri.

Le dimensioni compatte della Suzuki Jimny ti aiuteranno a scivolare in avanti su una strada congestionata e parcheggiare facilmente nel posto più vicino, mentre il servosterzo e un design delle sospensioni migliorato ti permettono di controllare il movimento il più possibile.

Aggiungi un commento