Lotus esprit

1977 Lotus Esprit - Garage di Jay Leno

La Lotus Esprit è un'auto sportiva in una coupé a 2 porte prodotta da una compagnia automobilistica britannica nel Regno Unito dal 1976 al 2004. Il debutto di questo modello è avvenuto al Salone dell'Auto di Torino del 1972, durante il quale è stato presentato come concept car dall'ufficio di design Italdesign-Giugiaro, costruito sulla base di un telaio accorciato di Lotus Europa. Fu il primo progetto del designer italiano Giorgetto Giugiaro (Giorgetto Giugiaro) creato nell'era del design poligonale (modellando usando poligoni - poligoni) "tritato", che nei paesi anglofoni era chiamato "carta piegata" - "carta piegata". Inizialmente, lo sportacra si chiamava Kiwi, ma la tradizione di Lotus di usare i nomi che iniziano con la lettera E ha fatto sì che l'auto venisse ribattezzata Esprit.

Prima di entrare nella produzione di serie, l'auto Lotus Esprit nella sua versione definitiva è stata presentata al salone dell'auto di Parigi nell'ottobre del 1975, e il lancio di questa vettura sportiva è iniziato nel giugno 1976. Nella gamma di modelli di Lotus Cars, la Lotus Esprit ha preso il posto del modello Lotus Europa precedentemente prodotto. Le prime auto Esprit indossavano la marcatura S1 (serie 1). Costruito su un telaio e nella parte posteriore di una fibra di vetro, Esprit è stato equipaggiato con un motore Lotus 907 a quattro cilindri che era stato precedentemente utilizzato in un'automobile Jensen Healey. Questa unità di potenza da 2 litri ha dato una potenza pari a 160 CV (in auto destinate alla potenza di esportazione era 140 CV) e si trovava longitudinalmente direttamente dietro i passeggeri, come il predecessore. La trasmissione nell'unità di trasmissione era a 5 marce ed era precedentemente utilizzata in automobili come la Citroen SM e la Maserati Merak. La prima serie, interamente realizzata sui principi di leggerezza della società Lotus, aveva una massa inferiore a 1000 kg. L'auto sportiva ha guadagnato popolarità grazie all'apparizione nel 1977 del film di James Bond "La spia che mi amava". In questo film, il modello "Esprit" ha partecipato alla caccia e potrebbe trasformarsi in un sottomarino.

Molti in quei giorni hanno elogiato la vettura sportiva Lotus Esprit per la sua maneggevolezza. Tuttavia, è stato valutato come non abbastanza potente, specialmente in mercati come gli Stati Uniti, dove questo modello è stato fornito con caratteristiche di potenza ridotta al fine di ridurre lo scarico. Lotus desiderava raggiungere velocità come l'accelerazione a 100 km / h in 6,8 secondi e la sua velocità massima di 222 km / h, ma erano molto ottimisti. I test su strada reali hanno mostrato qualcosa di completamente diverso - da zero a 100 km / h in 8 secondi e la velocità massima - 214 km / h. L'Esprit della prima serie si distingue dalle versioni successive dallo spoiler anteriore a forma di scoop, dai fari posteriori della Fiat X1 / 9, dall'assenza di tunnel di presa d'aria sui lati e dai dischi "Wolfrace" del cast. Nella cabina, l'elemento identificativo della prima serie era il cruscotto, che consisteva in un pannello unico con i dispositivi verdi di "Veglia" su di esso.

Una serie di miglioramenti alla macchina sportiva Lotus Esprit ha portato ad un climax nella sua storia - l'uscita della seconda serie S2 (2 serie). Il più ovvio di questi cambiamenti sono: l'emergere di tunnel di aspirazione situati sui lati dell'auto dietro i finestrini laterali posteriori, i fanali posteriori della Rover SD1 e uno spoiler anteriore integrato. Inoltre, le vetture Esprit della seconda serie erano equipaggiate con una speciale società Lotus, ruote in lega da 14 pollici "Speedline". Tra le modifiche rimanenti, vale la pena notare il cambiamento nella posizione della batteria, un migliore accesso al motore, nonché la sostituzione del cruscotto da "Veglia", uno nuovo da "Smith" e un nuovo design degli interruttori.

Nell'era del modello di seconda generazione "Esprit" è stata sviluppata la sua versione speciale in onore delle vittorie sportive della società Lotus. È stato dipinto in colori nero e oro, come le auto da corsa di Formula 1 del team Lotus sponsorizzate da John Player & Sons. Il nome della versione speciale di Esprit è stato anche associato allo sponsor del team - John Player Special (JPS) Esprit. Lotus non ha fornito dati precisi, ma sono state raccolte circa 149 copie di JPS Esprit.

Nel 1980, la versione finale della seconda generazione di Esprit fu rilasciata con il nome S2.2. Era quasi identico al modello Esprit standard della seconda serie, ma era equipaggiato con un motore Lotus 912 da 2.2 litri (volume e servito questo nome di versione). La potenza del propulsore era la stessa del modello da due litri, ma la coppia massima è stata aumentata da 190 Nm a 217 Nm. Si noti inoltre che nella versione S2.2 è stato presentato il telaio, realizzato in acciaio zincato. Sono state prodotte in totale 88 vetture Esprit S2.2.

Nel 1980 fu introdotta anche la prima versione turbo della Lotus Esprit. Inizialmente, è stata un'altra versione speciale associata alla partecipazione di Lotus nelle corse di Formula 1 ed è stata dipinta in blu, rosso in combinazione con elementi cromati, che corrispondeva al prossimo sponsor della squadra - Essex Petroleum. Il nome della nuova versione è stato assegnato di conseguenza - "Essex Esprit". Il nuovo motore Lotus 910 turbocompresso con un sistema di lubrificazione a carter secco ha sviluppato una potenza di 210 CV. e coppia massima - 270 Nm. Fino a 100 km / h, la versione dell'Essex poteva accelerare in 5,6 secondi e la velocità massima era di 240 km / h.

Come risultato del miglioramento della potenza e delle prestazioni dinamiche, Esprit Essex ha dovuto modernizzare e rafforzare il design del telaio e delle sospensioni posteriori. È stata aggiunta una spinta centrale per ridurre il carico sull'albero dell'elica e il sistema di frenata del veicolo è stato migliorato. Soprattutto per "Essex" Giugiaro ha sviluppato un kit aerodinamico per il corpo, che includeva uno spoiler posteriore, un paraurti aggiornato, ulteriori tunnel di ventilazione sui lati davanti alle ruote posteriori. Anche questa versione ha ricevuto cerchi da 15 pollici dalla società Compomotive. L'interno è stato realizzato in pelle scarlatta e dotato di uno stereo Panasonic.

Sono state raccolte in totale 45 copie di Essex Esprit. Questa versione, dipinta in un colore rosso rame, ha anche preso parte alle riprese del prossimo film di James Bond intitolato "For Your Eyes Only", che è stato introdotto nel 1981.

Alla fine del 1980, Lotus introdusse tre diverse versioni del modello Esprit con vari telai e carrozzeria: "Domestic S2.2" (peso per il Regno Unito), "Export S2.2" (versione per esportazione) e "Turbo Esprit" con il sistema lubrificazione a carter secco.

Le versioni Turbo Esprit ed Esprit della terza serie S3 (serie 3), introdotte in produzione nell'aprile del 1981, erano un po 'consolidate: avevano una struttura del telaio comune, ereditando la maggior parte della sua struttura dalla versione Essex e avevano anche un kit corpo comune.

Il modello Lotus Esprit della terza serie utilizzava lo stesso motore Lotus 910 con una capacità di 2,2 litri come nella versione "S2.2", mentre il "Turbo Esprit" tornava a un sistema di lubrificazione meno complesso con una coppa dell'olio convenzionale. Gli indicatori di potenza e coppia massima erano uguali a quelli del vecchio alimentatore a carter secco. L'interno di entrambe le versioni è stato completamente ridisegnato per riflettere le forme del corpo modificato, che ha permesso di aumentare lo spazio sopra le teste dei passeggeri e una nicchia per le gambe. Per quanto riguarda l'esterno, la versione di "Turbo Esprit" ha mantenuto tutti gli elementi del pacchetto aerodinamico di "Essex Esprit", e ha anche aggiunto adesivi con le parole "turbo esprit" sulle parti anteriori e laterali; La versione S3 ha ricevuto nuovi paraurti, ma il resto della forma del corpo è rimasto dalla modifica S2.2. Entrambe le versioni hanno utilizzato cerchi in lega da 15 pollici BBS.

Nell'aprile del 1986, l'ultima "Esprit" fu introdotta sotto la guida del designer Giugiaro, con una maggiore compressione del motore, che era il nome di "HC" (High Compression). L'aumento della compressione ha permesso di aumentare le caratteristiche del motore senza sovralimentazione - potenza di 172 CV e coppia massima di 220 Nm. La versione turbo del Turbo Esprit HC ha una potenza di 215 CV e una coppia massima di 300 Nm. Per i mercati con severi requisiti di emissioni di scarico, Lotus ha prodotto una modifica del "HCi", il cui motore era equipaggiato con un iniettore di carburante KE-Jetronic di Bosh. Vale la pena notare che è stato il primo Esprit con un motore a iniezione.

Nel 1988, fu rilasciata una nuova versione di Lotus Esprit, sviluppata dal designer inglese Peter Stevens (all'epoca erano già state create sotto la sua guida auto sportive famose come la Jaguar XJR-15 e la McLaren F1). Questa volta, i fanali posteriori sono stati presi in prestito dalla Toyota Corolla Coupé. A Giorgetto Giugiaro è piaciuto il restyling "Esprit", ma ha sostenuto che gli piace ancora troppo il suo progetto originale. Per quanto riguarda l'equipaggiamento tecnico della versione di Stevens, era quasi del tutto identico a quello usato nelle versioni precedenti, e anche i motori turbo e atmosferici erano disponibili. Tuttavia, c'erano alcune differenze: cambio più affidabile nel blocco con la trasmissione della produzione Renault e il nuovo sistema di iniezione elettronica Delco GMP4 EFI. I cambiamenti esterni sono stati accompagnati da un aggiornamento dell'interno. La versione di Esprit Stevens era anche conosciuta come "X180". Il modello Stevens Esprit del 1988 è stato visto solo due volte in una serie televisiva dal titolo "The Highwayman" (quindi la partecipazione alla serie è stata brevemente interrotta dal fatto che il suo spettacolo è stato interrotto dopo le riprese della decima serie).

Il prossimo miglioramento del modello Esprit fu che oltre al raffreddamento ad acqua, era dotato di un dispositivo di raffreddamento dell'aria di sovralimentazione. Questa modifica ha ricevuto l'etichetta "SE". Potenza "Esprit SE" aumentata a 264 CV, e nella configurazione con il motore turbo atmosferico a 280 CV. Da zero a 100 km / h, questa versione ha accelerato in 4,7 secondi e la sua velocità massima è stata di 260 km / h. Il motore Lotus 910 con un dispositivo di raffreddamento dell'aria di ricarica è contrassegnato con "S". Inoltre, le modifiche sono state annotate nell'auto sportiva del corredo del corpo. Lotus Esprit è ancora un po 'indietro rispetto alle auto sportive concorrenti di marchi come Porsche e Ferrari.

La Lotus Esprit è stata popolare ed è stata eseguita con successo alla competizione sportiva americana "IMSA Bridgestone Supercar Championship", in seguito alla quale Lotus ha deciso di rilasciare un'altra versione basata sulla modifica "SE" chiamata X180R, con una potenza aumentata a 300 CV. e salone delle attrezzature da corsa. La modifica nota come Sport 300 era essenzialmente la stessa X160R destinata al mercato europeo. L'Esprit Sport 300 è stata riconosciuta come la vettura a 4 cilindri più veloce della linea Esprit e la più attesa.

Nel 1993, l'aspetto e l'interno aggiornati della vettura sportiva Lotus Esprit segnarono il rilascio della quarta generazione di questo modello - "S4" (Serie 4). Si noti che questa era la prima versione di "Esprit", che era dotata di un servosterzo. Nel 1995, questa serie fu completata da una modifica di "S4s", il cui potere era 300 hp. mentre lei aveva una comoda lounge, come la "S4". Questa vettura doveva essere il completamento della produzione del modello Esprit, ma alla fine si è deciso di dotare la vettura sportiva di un nuovo motore V8 compatto.

Nel 1996 fu introdotta una nuova versione con il nome Esprit V8, equipaggiato con un motore "Lotus 918" da 3,5 litri con una turbina doppia. Ha usato tutto lo stesso cambio nel blocco con la trasmissione dalla società Renault. L'ingegnere Derek Bell (Derek Bell) ha lavorato alla messa a punto del cambio in modo che potesse resistere a una potenza del motore di 355 CV. (La trasmissione standard Renault si ruppe rapidamente). L'accelerazione da fermo a 100 km / h su Esprit V8 ha richiesto meno di 5 secondi.

Insieme con "Esprit V8" è stata introdotta e la versione del "GT3", che è stata equipaggiata con un motore turbo da due litri con un dispositivo di raffreddamento dell'aria di sovralimentazione, che in precedenza era spesso visto nelle auto sportive italiane.

Nel 1998, la modifica del V8 fu divisa in due versioni: "SE" e "GT". Entrambe le configurazioni avevano un assetto modificato, tra cui la versione "SE" aveva un interno più lussuoso.

La modifica finale del modello di Lotus Esprit fu introdotta nel 1999 e fu chiamata Sport 350. Furono raccolte un totale di 50 copie del veicolo di questa configurazione. Ognuno di loro ha dato potenza pari a 350 CV (secondo il nome) ed è stato costruito su diversi telai, nonché con vari miglioramenti al sistema frenante. L'accelerazione a 100 km / h in questa versione richiedeva meno di 5 secondi e la massa non superava i 1300 kg, grazie a un corpo in fibra di vetro.

La produzione della vettura sportiva Lotus Esprit è continuata fino al 2004. Durante questo tempo, l'auto cambiò solo leggermente, dei cambiamenti, forse, vale la pena notare l'apparizione di quattro luci posteriori rotonde nel 2002. Oltre 28 anni di produzione, sono state assemblate 10.675 vetture Lotus Esprit.

Secondo varie fonti, è noto che durante la produzione del modello Lotus Esprit, come in molti casi con questo tipo di auto, gli ingegneri della società usavano varie parti dell'attrezzatura tecnica da automobili di altre marche. Ad esempio, nelle auto sportive Esprit, prodotte prima del 1993, c'erano molti elementi prodotti da Leyland e, per quelli prodotti dopo il 1993, vari componenti tecnici erano stati presi in prestito da General Motors (Vauxhall, Opel).

Lotus sta attualmente sviluppando un modello Esprit di nuova generazione, come evidenziato da numerose foto spia e materiali in varie pubblicazioni automobilistiche. Si suppone che sarà presentato già nel 2008, ma secondo gli ultimi dati, secondo i piani della compagnia, si presume che la data di uscita effettiva sarà dicembre 2009. Il nuovo design mira a competere con vetture sportive come Ferrari F430 e Lamborghini Gallardo, così come il resto delle auto di questa categoria nella fascia di prezzo fino a 130.000 dollari USA.

Aggiungi un commento